venerdì 10 novembre 2006

DEATH NOTE

Death note



Questo Death Note è molto famoso in patria*e non solo*, tanto è vero che è già uscito un live action dedicato e una serie animata, e finalmente anche in Italia possiamo leggerlo.

L'autore, Takeshi Obata, ci narra la storia di Yagami Light, un giovane liceale che trova uno strano taccuino perso da un demone. Il ragazzo scopre presto che è possibile uccidere una persona scrivendone il nome sulle pagine. Light decide di usare il terribile potere a fin di bene, trascrivendo il nome dei malvagi e così condannandoli a morte. Quando le morti sospette diventano troppe, la polizia mobilita un'unità investigativa speciale comandata dal misterioso agente speciale "L."
A stemperare i toni della storia ci sono i divertenti dialoghi tra il demone che ha perso il taccuino e il protagonista.
Demone che divertito non fa altro che da spettatore a tutte le gesta del giovane Light non disdegnando frecciatine o "consigli" non sempre opportuni.


Death Note




Devo dire che questo è un manga molto particolare, come avrete già capito voi stessi.
All'inizio sono rimasto un attimo disorientato dal tutto, mi pare che i fatti si accavallino troppo velocemente e che ci sia poca introspezione psicologica nei personaggi.
Leggendo il primo numero ho avuto l'impressione di trovarmi davanti al solito Manga che fa "tendenza" ma che ha ben poca sostanza, spero di sbagliarmi e di potermi sorprendere con il proseguo della storia.

Nota particolarmente di merito per il tratto di Takeshi Obata, veramente bello.
Chiariscuri stupendi e un tratto vagamente europeo con i personaggi che finalmente non sembrano tutti una mera fotocopia uno dell'altro.

Vi consiglio comunque di prendere il primo numero, se non altro perché questo Death Note è sicuramente un'opera particolare, che difficilmente vi lascerà indifferenti.

Se volete saperne di più vi consiglio questo sito, pieno zeppo di download molto interessanti:

www.misteriawebsite.it/

Vi posto anche l'opening dell'anime:







Steve Ditko, il co-creatore di Spider-Man ci ha lasciato

"Non parlo mai di me stesso. Io sono il mio lavoro. Faccio del mio meglio, e se mi piace, spero che piaccia anche a qualcun altro.&q...