mercoledì 4 ottobre 2017

Super Nintendo Mini



Nelle mie mani pacioccose





Gia l'anno scorso Nintendo ci ha deliziato con l'uscita del primo Nes 8 Bit in versione mini. Un operazione nostalgia che ha avuto molto successo tra gli appassionati di retrogaming, tanto che le copie del Nes Mini sono diventate ambite tra i collezionisti.

Quest'anno Nintendo ha deciso di omaggiare il meraviglioso Super Nintendo con un operazione analoga. Uscito lo scorso 29 di settembre non ho potuto far altro che accaparrarmi il mio Snes Mini.

Prima di addentrarmi in spiegoni, vorrei spendere due parole su ciò che ha significato questa console per me. Non dimenticherò mai la prima volta che ho potuto giocare a un Super Nintendo a casa di un amico, in uno scantinato su un piccolo televisore, eppure mi stregò subito. Street Fighter 2 in tutta la sua bellezza, certo non un arcade perfect ma molto vicino. Quei pad così piccoli, ed ergonomici che nel tempo ho imparato ad amare. Le litigate per un perfect, le infinite sfide ai suoi capolavori. Per me lo Snes è stato un pezzo di vita, mi ha accompagnato per tantissimi anni, ancora oggi lo conservo in una camera dove troneggia a mò di santino.
Sicuramente la console a 16 bit a cui ho legato più ricordi, più emozioni e solo chi ha vissuto quegli anni può davvero comprendere ciò che scrivo.

Chiusa la parentesi nostalgica andiamo al fulcro del discorso:

La console si presenta esteticamente identica (o quasi) allo Snes europeo, con la sola differenza che sta sul palmo di una mano e ha l'entrata delle cartucce non funzionante; ha una presa HDMI per la parte video, e si alimenta tramite porta Micro USB. All'interno della confezione non trovate un alimentatore, vi basterà collegarla a una porta USB della tv o usare il caricatore di un telefono e il gioco è fatto. Nella scatola trovate anche due joypad che riprendono in tutto e per tutto le forme di quelli dello SNES,  anche nelle dimensioni; l'unica differenza sostanziale è che in quello origianale la plastica è liscia, in questo leggermente ruvida, aumenta un poco il grip, per il resto il feeling è praticamente il medesimo.
L'operazione nostalgia è perfettamente proposta anche nel package che riprende quello originale anni 90, addirittura il libretto di istruzioni ricorda quello dei tempi che furono.

All'interno della console si trovano 20 giochi precaricati, più 1 da sbloccare. Si tratta di Star Fox 2, mai uscito su cartuccia, un gradevole inedito per gli appassionati della grande N.

I giochi che si trovano all'interno dello Snes Mini, sono tutti (o quasi) grandissimi classici, la softeca in questo caso lasciava solo l'imbarazzo della scelta e ci sono per forza degli esclusioni pesanti.
La lista è questa:

Contra III The Alien Wars
Donkey Kong Country
EarthBound
Final Fantasy III
F-ZERO
Kirby Super Star
Kirby’s Dream Course
The Legend of Zelda: A Link to the Past
Mega Man® X
Secret of Mana
Star Fox
Star Fox 2
Street Fighter® II Turbo: Hyper Fighting
Super Castlevania IV
Super Ghouls ‘n Ghosts
Super Mario Kart
Super Mario RPG: Legend of the Seven Stars
Super Mario World
Super Metroid
Super Punch-Out!!
Yoshi’s Island


Stiamo parlando di giochi intramontabili e invecchiati benissimo, alcuni sono vere e proprie pietre miliari videoludiche. Infatti appena ho montato il tutto mi ci sono perso per ore, alla faccia dell'HD e dei graficoni odierni.
La console ha al suo interno un emulatore sviluppato da Nintendo che fa girare egregiamente i giochi, ma sinceramente sono un po' deluso dalla scarsità di impostazioni video proposte. Ne abbiamo 3,
CRT Filter (l'unica che vi consiglio), 4:3, Pixel Perfect.
Ora, sarà che smanetto da tipo 16 anni se non di più con gli emulatori su PC, ma penso che da questo punto si poteva fare decisamente uno sforzo maggiore. Qualche filtro in più o la possiblità di settare l'immagine, non dico in 16:9, ma in un formato più generoso secondo me si poteva fare benissimo. Ottima la possiblità di mettere dei background così da sopperire agli spazi che rimangono per forza ai lati dello schermo su un formato16:9 di una tv moderna. Segnalo inoltre che la console esce a 720P e che i titoli sono tutti a 60hz, fortunatamente formato NTSC, non PAL a 50hz.
Una cosa carina è che oltre ai vari save di cui dispongono i giochi in automatico, se ne possono fare altri 4 in ogni momento, questo vale per tutti i titoli presenti.
Come resa video devo dire che sul mio 50 pollici l'immagine è un bel vedere, più di quel che pensavo, a patto di mettere il filtro CRT, gli altri proprio non mi garbano.

Snes Mini costa 79,99  a mio parere un prezzo più che giusto per ciò che offre; a questo proposito ho letto alcune polemiche che ho trovato fuori luogo, lo volevate regalato per caso?
Certo, Nintendo ci poteva mettere dentro almeno 30 giochi, e alcune mancanze, vedi Chrono Trigger (pare che Square non lo sganci facilmente) si fanno un po' sentire, tipo un cavolo di picchiaduro a scorrimento che ci voleva a inserirlo? (qualcuno ha detto Super Double Dragon?)  ma ormai il dado è tratto. Sono sicuro che nel tempo si troverà modo di aggiungere altri rom, e regà non venitemi a fare la morale perché ho a casa un bel po' di giochi SNES, soldi ne ho dati alla N, sono loro a non lasciar scelta.

Oddio, sento già delle sirene in lontanza, mi vogliono arrestare, no tranquilla Nintendo, quando mai metterò rom dentro alla tua bella consolina? Giammai!

Oh, comunque non fate i fessi, pigliatevi questo gioiellino, giocateci, fateci giocare i vostri figli, qui siamo davanti allo stato dell'arte della pixel art, al Sacro Graal del retrogaming. Non si scappa, se compra e basta. Dopo Switch e Nes mini, altro centro quindi, good job Nintendo!

Ma quanto è puccioso!


A destra abbiamo sia il pad originale che il Super Nintendo Giapponese, a sinistra le versione Mini

Fate l'amore non fate la guerra

Retro della scatola con elenco dei giochi












Spider-Man: Un Nuovo Universo

È quando è difficile che non devi mollare Questo 2018 che si appresta a concludersi, è stato sicuramente l'anno di Spider-Man...