mercoledì 15 ottobre 2008

Casshern Sins

Casshern Sins




I remake van sempre di moda, e anche l'animazione nipponica sembra entrata in questa ottica ormai da diverso tempo. Ecco così dopo il rifacimento di Jeeg il remake dello stupendo Casshern, da noi meglio noto come Kyashan.

A dire il vero non è la prima volta che l'androide di casa Tatsunoko viene riproposto, ma per fortuna questa  volta non si può parlare tanto di un'operazione meramente commerciale.

La serie da quel poco che si è visto, 2 episodi, pare voler affrontare le tematiche in modo adulto, non a caso anche l'orario di messa in onda in patria - 22,30 - e il tutto non sa di già visto come accade spesso nei remake, ma anzi, ci son buoni spunti per una bella serie.

La trama vede un Kyashan decisamente smemorato, come perso nel mondo in cui vive, continuamente attaccato da robot che vogliono "mangiarlo" per raggiungere così l'immortalità. Luna sembra essere stata uccisa dallo stesso Kyashan, ma tutto è ancora un grande punto interrogativo visto che siamo all'inizio e la trama viene svelata mano a mano.

I disegni mi hanno colpito molto in positivo, la produzione Mad House ha svolto un lavoro egregio e il tratto vagamente ispirato a Shingo Araki è più che riuscito. Non a caso il regista, Shigeyasu Yamauchi, ha lavorato a molte cose dei Saint Seiya.L'animazione devo dire non mi è parsa sempre all'altezza, ma è ancora un pò presto per dare giudizi definitivi.
Spero che mla serie non si perda con i prossimi episodi.

Vi lascio con i primi 8 minuti del primo episodio con sottotitoli in inglese:





Steve Ditko, il co-creatore di Spider-Man ci ha lasciato

"Non parlo mai di me stesso. Io sono il mio lavoro. Faccio del mio meglio, e se mi piace, spero che piaccia anche a qualcun altro.&q...