lunedì 21 gennaio 2008

Soffio

Soffio






Kim Ki-duk è uno dei registi più innovativi degli ultimi anni, i film che dirige sono spesso di difficile interpretazione, un pò come un sogno... I suoi personaggi vanno spesso incontro alla vita con muta disperazione. La non formazione cinematografica, il suo vissuto, la predisposizione per la pittura, lo rendono uno degli autori più innovativi degli ultimi anni.

Soffio è l'ultimo film del regista coreano che dopo il non brillantissimo Time torna a regalarci emozioni, anche se rispetto ad altre sue pellicole siamo ancora sotto tono.

Yeon, una giovane moglie tradita dal marito, sente alla tv la notizia di un condannato a morte che tenta il suicidio per l'ennesima volta, decide di incontrarlo in carcere per regalargli l'ultimo soffio di vita, per scappare dalla sua brutta situazione famigliare.
Yeon, continuerà ad andare a trovare l'uomo in cella attacando ai muri enormi fogli rappresentanti le diverse stagioni iniziando dalla primavera il momento della (ri)nascita adeguandosi alla stagione anche dal punto di vista dell'abbigliamento e cantando una canzone adatta all'occasione ad ogni visita.
Amore, morte, disperazione, gelosia, si fondono insieme in un alternarsi di sentimenti e di "stagioni" rappresentate bene dagli incontri della donna tradita con il carcerato che tenta ogni volta di vivere queste visite con la massima intensità possibile nonostante le gelosie dei suoi compagni di cella.
Lo stesso Kim Ki-duk appare nel film, specchiato dai monitor che scrutano le breve visite di Yeon al condannato, decidendo ogni volta la loro durata, mostrandoci l'alternanza degli stati d'animo e delle situazioni che affligono i protagonisti della pellicola, una specie di "regia nella regia".

Se volete avvicinarvi al regista forse questo film non è il più adatto, ma comunque sia se cercate qualcosa che vi tocchi intimamente, qualcosa di innovativo, guardate Soffio senza remore.





Steve Ditko, il co-creatore di Spider-Man ci ha lasciato

"Non parlo mai di me stesso. Io sono il mio lavoro. Faccio del mio meglio, e se mi piace, spero che piaccia anche a qualcun altro.&q...