martedì 25 novembre 2008

Frontiers - The orphanage

Frontiers







Ultimamente sto facendo una scorpacciata di Horror, e oggi voglio parlarvi di due film che oltre alla tematica hanno in comune il fatto di essere stati diretti da registi al primo ciak.


Parto con Frontiers, un film con alto contenuto splatter che ha fatto parlare molto di sé in Francia. Diretto dall’esordiente Xavier Gens, ricorda molto i servival horror cari alla tradizione videoludica. La storia in sé non brilla per originalità: un gruppo di ragazzi approfitta della confusione di una Parigi in piena campagna politica per fare una rapina, decidono così di scappare in Olanda per spartirsi il bottino, peccato che come punto di incontro scelgano un ostello molto fuori dai parametri, scopriranno a loro spese quanto il crimine non paghi, andando incontro a un inferno sempre più raccapricciante.


Devo dire che non mi aspettavo molto da questo film e che invece mi sono dovuto ricredere. Molto coinvolgente sin da subito, con attori nella parte, in primis Karina Testa, sempre molto convincente. La regia è ottima e il ritmo piuttosto frenetico. A proposito di questo ho trovato molto bella l’idea di usare ogni tanto la prima persona dalla visuale della telecamera di uno dei ragazzi, una cosa che riporta alla mente altre opere del genere senza essere troppo ridondante. Devo dire che ogni tanto c’è qualche splatterata gratuita, specie nel finale, ma tutto sommato ci può stare.


La storia mi ha ricordato vagamente alcuni fatti di cronaca recente, in particolar modo Joseph Fritzl, così come il proprietario della locanda, un padre padrone Nazista e con la fissa della razza Ariana, peccato che la realtà riesca troppo spesso a superare le fantasie più efferate.


Sconsigliato ai deboli di stomaco!




The orphanage




Di tutt'altro tenore il film prodotto da Guillermo Del Toro, The Orphanage, più incentrato su fantasmi e sulla tensione che su scene raccapriccianti. L’esordiente Juan Antonio Bayona può essere più che contento della sua opera prima. Il film non a caso ha vinto sette premi Goya. La storia è quasi tutto ambientata in un claustrofobico orfanotrofio, cosa che fa aumentare molto il fattore thriller. La trama direttamente da wikipedia:

“Laura, con il marito Carlos e il figlio adottivo Simón, torna nell'orfanotrofio in cui ha trascorso buona parte dell'infanzia, con l'intenzione di ristrutturarlo e renderlo un luogo accogliente per bambini bisognosi. Simón è affetto da HIV, complice l'aspetto sinistro dell'orfanotrofio inizia a manifestare strani atteggiamenti, che lo vedono coinvolto in giochi con bambini immaginari. Mentre il padre, Carlos, si dimostra poco preoccupato per gli atteggiamenti del figlio, Laura inizia a preoccuparsi seriamente quando il piccolo scompare misteriosamente durante una festa in maschera, facendo piombare la donna in un incubo.”

Interessante film con qualche momento morto di troppo, interpretazioni più che buone da parte di tutto il cast, in particolare ottima Belén Rueda, interprete della protagonista.
La pellicola seppur non avendo un ritmo molto incalzante, riesce a coinvolgere sino alla fine, anche se purtroppo ci sono dei momenti un attimo “telefonati”… Il finale lascia un senso profondo di inevitabilità, sembra quasi un cerchio che si chiude intorno all’opera. Non è il filmone di cui parlano in molti, ma trovo che una visione la meriti sicuramente, soprattutto se si apprezza il genere. Da segnalare la presenza di un inquietante Geraldine Chaplin nei panni della medium.

6 commenti:

  1. premetto che sono una che di questa tipologia di film fa il pieno... ma FRONTIERS ancora non l'ho visto..spero di vederlo appena possibile, visto che sono un'appassionata della serie SAW e mi sono vista pure HOSTEL... credo che FRONTIERS ci stia bene nella mia bacheca...
    non amo le "splatterate" gratuite ma se c'è un minimo di concetto e di storia ne approfitto per dedicargli un paio d'ore...
    ho visto proprio ieri l'intervista al regista di HOSTEL il quale spiegava come mai vengano prodotti film così crudi e sanguinolenti... tutto sta nel piacere e nella curiosità della gente nel vedere realizzata e materializzata la parte più cattiva e sadica che vive in ognuno di noi..
    concordo, percui darò fiducia a questo film..

    per quanto riguarda THE ORPHANAGE, l'ho trovato tuttosommato un bel film, purtroppo c'è qualche scena esasperata che io avrei evitato, qualche tempo morto che fa sembrare il film un pò lento in certi punti, ma la buonissima interpretazione della protagonista cancella qualunque neo...
    grandiosa la figlia di Chaplin, uno sguardo inconfondibile!

    la fine l'ho trovata molto rassicurante....
    mi è piaciuto perchè non è il solito film già visto, può sembrare un film scontato ma sa sorprendere e in più a volte si crea un livello di ansia tale da tenervi con gli occhi fissi allo schermo...

    lo consiglio!
    meglio in buona compagnia! ;)

    RispondiElimina
  2. A me questo genere non piace, quindi credo proprio che ne farò a meno... Ho già molti film in lista. Tra Dicembre e Gennaio ci lascerò un capitale al cinema!

    baci :***

    RispondiElimina
  3. @Spilletta, Hostel è un film carino, con una storia che poteva essere sviluppata molto meglio, l'idea di fondo è molto bella, peccato poi che scada spesso nel grottesco, il secondo capitolo è una tavanata pazzesca, credo che non faranno mai il terzo, anche se ne han parlato spesso.
    SAW ha rotto dai, il primo è un bel film ma gli altri van via via peggiorando!

    In questi giorni ho visto The audiction, quello si che te lo consiglio, stupendo!


    @BluVega, che film vuoi vedere? me curioso!;*

    RispondiElimina
  4. si hostel 2 non l'ho ancora visto e non ho mai sentito parlare del 3...
    SAW... si... ecco.... vorrei solo sapere come cavolo va a finire!!!
    THE AUDICTION l'ho sentito e sinceramente mi interessa, prima o poi lo guarderò!
    grazie del consiglio!

    tu tutto bene? meglio?
    lo spero tanto!

    RispondiElimina
  5. Starò diventando "vecchio", ma preferisco guardami gli horror in casa mia, così posso mettermi le mani sugli occhi senza essere deriso!!Ciao, Ale

    RispondiElimina
  6. @Spilletta, non esiste Hostel 3, lo volevano fare ma visto la scarsa affluenza che ha avuto il 2 han lasciato perdere, spero che rimangano di questa idea onestamente!

    Per Daddun e Fayriel, vedo che gli horror non sono il vostro genere...:P

    @Anya, già visto e commentato.


    @Kiara, Frontiers è più bello di Hostel, se non altro è costruito meglio, anche se anche qui qualche tavanata non manca... ma come film mi ha coinvolto maggiormente, anche se l'idea di fondo di Hostel è sicuramente più originale.Dai un'occhiata e fammi sapere!

    Buon week end a tutti!

    RispondiElimina

Ciao Alita

Quando sei arrivata nella mia vita, ormai nel lontano 2003, mai avrei immaginato che tu potessi entrarmi tanto nel cuore. Devi sapere, c...