sabato 11 ottobre 2008

Rosemary's baby - Nastro rosso a New York

Ultimamente mi sto dedicando un pò al cinema di Roman Polanski, regista di cui ho sempre amato Per favore non mordermi sul collo, famosa parodia dei film vampirici. Pochi giorni fa ho visto La nona porta, ma a parte Johnny Depp, niente di che, anche se la prima parte l'ho trovata piuttosto godibile...
Bene, mi mancava particolarmente un film, sempre a tema demoniaco come La Nona Porta, parlo ovviamente di Rosemary's baby. Tratto da un libro di Ira Levin, autore non certo nuovo agli adattamenti cinematografici.

Una giovane coppia si trasferisce in un appartamento a Manhattan, non un posto qualsiasi visto che è stato spesso teatro di efferrati delitti, ma i due decidono comunque di andarci senza badare troppo allle dicerie della gente. Poco tempo dopo, Rosemary, la giovane sposa, scopre di essere incinta...
inizia ad accusare molti malesseri, e a capire che il vicinato non è così buono come appare...

Un film di un impatto oserei dire devastante... tutto giocato su sottili linee di confine, che vengono piano piano varcate dallo spettatore, portato per mano dalla mirabile regia e dall'interpretazione straordianaria di una giovanissima Mia Farrow all'interno di un incubo senza fine.
La tensione è quasi sempre molto alta, senza artifici visivi, ma tutta giocata su una trama e una regia veramente eccellenti.
Non si capisce mai dove finiscono le fobie della protagonista e inizi la realtà... solo il finale dà la chiara realtà dei fatti, anche se uno spettatore smaliziato arriva a capire determinate cose prima del tempo. Questa cosa però non diminuisce la qualità dell'opera, anzi, aumenta così, se è possibile, l'empatia tra chi guarda e chi subisce gli eventi.

Come avrete capito, questo non è un film come tanti, è un capolavoro, un Thriller senza tempo che rimarrà negli anni per sempre, d'altro canto regge da una quarantina di anni e Polanski può dormire sonni tranquilli da questo punto di vista.
Si parla di un remake della pellicola, ma onestamente, lascerei certe opere dove stanno.

Vorrei infine segnalare alcune cose quantomeno inquetanti.

Prima di tutto esattamente un anno dopo che venne finito il film (1969) il regista ebbe un gravissimo lutto, sua moglie, Sharon Tate, venne massacrata incinta dalla Manson Family.
Le riprese esterne vennero realizzate nello stabile Dakota di New York, dove nel 1980 verrà assassinato John Lennon, amico personale di Mia Farrow. Le ringhiere che circondano il Dakota sono decorate con teste di draghi.

Ci sarebbero altri aneddoti ma questi mi sembrano già abbastanza per tracciare il profilo di una pellicola che in qualche modo si può definire "maledetta".

Ho evitato, nel possibile, spoiler in questa "recensione", non voglio rovinare la visione di tale film a nessuno, anche se mi rendo conto che la maggior parte di chi legge l'avrà già visto.

Ne avrei da dire ancora ma non voglio annoiarvi troppo.
Ne approfitto per ringraziarvi delle ormai superate 65mila visite, tante volte ho pensato di abbandonare questo blog, ma poi mi sono reso conto che sarebbe un peccato... GRAZIE ancora per l'attenzione!




7 commenti:

  1. Ciao!!!
    Buon week-end!
    Un bacio..:*

    RispondiElimina
  2. Mmmm... non credo che lo vedrò: sembra troppo inquietante! O__O
    La Nona Porta quindi non è niente di che? Peccato, mi hanno prestato il dvd proprio pochi giorni fa... Vabbè, vorrà dire che lo vedrò solo per Johnny che a me piace da morire! *ç*

    Ho ricambiato l'amicizia su myspace. Grazie per avermi aggiunta.
    Un bacio e buon weekend. :*

    RispondiElimina
  3. utente anonimo12 ottobre 2008 05:13

    il film sembra essere davvero interessante, mi affascinano questi film, specialmente se interagiscono con lo spettatore.
    certo il trailer mette parecchia angoscia, specie se lo si guarda di notte SOLE IN CASA!
    ma non mancherò di certo di vederlo!

    ah, se chiudi il blog ti prendo e ti scaldo, come si dice dalle mie parti!
    guai eh! ci sono appena entrata!

    RispondiElimina
  4. Un gran bel film...uno di quelli che mi ha "spaventata" di più in passato e che non mi ha fatto dormire per diverse notti...l'immagine della carrozzina nera con la croce al contrario mi fa venire ancora la pelle d'oca se ci penso...
    Capolavoro
    Betta

    RispondiElimina
  5. Un film che mette realmente i brividi!Ciao, AlePS: complimenti per le visite!!!!

    RispondiElimina
  6. Pur essendo un vecchio film possiede in sè qualcosa che neanche ai giorni nostri riescono a ripetere (a parte un remake annunciato...). Siamo davanti a un capolavoro dell'horror.
    Ho trovato il tuo blog con Google. Ti invito a partecipare al Torneo dei film: ne parlo qui
    http://gegio.wordpress.com/il-torneo-dei-film/
    mentre qui c'è il form per i tuoi 10 film preferiti (non è un virus, nè un sito strano...)
    http://spreadsheets.google.com/embeddedform?key=p8mk30RmJiA3OFsJjj_9HTQ
    Qui invece la classifica provvisoria:
    http://spreadsheets.google.com/pub?key=p8mk30RmJiA1nEz4CuLgTeA

    RispondiElimina
  7. recupero il post per segnalare un'interessante retrospettiva su Roman Polanski a Milano, per info:

    http://www.cinetecamilano.it/

    RispondiElimina