lunedì 29 settembre 2008

Quelli che...





Quelli che pensano di sfruttarti, quelli che confondono amicizia con possessione, amore con possessione, quelli che non sanno chi sono ma san tanto chi sono gli altri,
quelli che appena non servi ti buttano via, quelli che fan tanto i samaritani ma sono i peggio figli di puttana, quelli che son gelosi anche della tua merda, quelli che non conosci nemmeno in 18 anni, quelli che sono falsi, quelli che sorridon per chiavarti la ragazza, quelli che tornan nel momento del loro bisogno, quelli che voglion manipolarti, quelli che spariscono quando han la ragazza, quelli che non escono con la gente brutta perché loro son tanto belli, quelli che ti preferivano prima perché eri tanto bamba da farti usare, quelli che prima ti adorano e poi ti trattan come una merda, quelli che si vergognano degli amici e spariscono per 2 anni perché han trovato la ragazza, quelli che han la figa come unico credo, quelli che ti parlan alle spalle ma poi davanti dispensan solo sorrisi, quelli del tvb quando mi fa comodo, quelli che pensano che tu sia buono a oltranza, quelli che non sanno cosa sia l'amicizia ma la pretendono dagli altri, quelli che non riescono ad amare altri che sè stessi, quelli che alla prima occasione van con la tua ragazza, quelli che si dimenticano di averti amato, quelli che non sanno cosa sia l'amore, quelli che scrivono nei blog perché son troppo soli, quelli che trovan la solitudine come unica compagna, quelli che non riescon a vivere, quelli che han rovinato ogni sorriso, quelli che se non fai come dicon loro addio, quelli che ti negano un lavoro, quelli che ti vogliono capellone, quelli che ti voglion pelato, quelli che ti voglion morto, quelli che han come unico credo sè stessi, quelli che vedon negli altri le loro colpe, quelli che san tutto loro, quelli che non sanno niente, quelli che ti negan la vita, quelli che credon solo nel Dio denaro, quelli che son sempre cinici, quelli che passan la vita a sparlar degli altri, quelli che apron blog contro di te, quelli che van in giro dicendo che ho paura, quelli che han evitato di pestarsi sotto casa, quelli che mi vedon e cambian strada, quelli che devon farne ancora tanta, quelli che leggeranno questo post, quelli che mi capiranno, quelli che mi han amato, quelli che mi odieranno, quelli che pensan sia pazzo, quelli che son pazzi, quelli che ti frequentan anni per poi sparir appena ci son danni, quelli che han paura della bruttezza, quelli che son bruttezza, quelli che grasso è brutto, quelli che magro è bello, quelli che magro è brutto, quelli che han le emorroidi, quelli che son emorroidi, quelli che son tuoi parenti solo nel momento del bisogno, quelli che si credon fratelli ma non san nemmeno loro, quelli che si nascond dietro a tante belle parole, a tutti questi dico:
tante grazie me ne frego

7 commenti:

  1. Beh, io sono tra quelli che ti capiscono e non ti credo pazzo anzi...
    Persone così, purtroppo, le trovi sempre e ovunque...

    RispondiElimina
  2. utente anonimo10 ottobre 2008 22:23

    purtroppo è così... e che nervi...
    si ritorna sempre a parlare di questo caxxo di egoismo, è quello che causa tutto, la maggiorparte della gente è molto più interessata a se stessa che a chiunque altro.
    non spenderebbe mai un minuto di più per abbracciarti o semplicemente starti ad ascoltare, o peggio, magari lo fa e come si volta dimentica tutto e tu torni ad essere solo come prima.
    loro possono fingere e lo sanno fare bene mentre i tuoi dolori e le tue paure invece sono reali.
    per questo tipo di persone sei solo una coperta da usare se fa freddo ma che, appena torna il sole, si può comodamente riporre nell'armadio e dimenticarsela finchè non ce ne sarà di nuovo bisogno..
    è triste, molto triste, fa tanta rabbia!

    RispondiElimina
  3. utente anonimo19 marzo 2009 13:02

    COMPLIMENTI DAVVERO PER QUELLO CHE HAI SCRITTO...IN OGNUNO DI NOI (VERO) PURTROPPO è COSI!!!
    BACI

    RispondiElimina
  4. utente anonimo21 marzo 2009 00:58

    E poi ci sono quelli che copiano i post altrui(come il tuo) spacciandolo x il proprio...
    Guarda quest blog di merda e vedi la copia delle tue parole...
    http://cid-9fece62d8db48a1e.spaces.live.com/blog/cns!9FECE62D8DB48A1E!1699.entry

    ciao e complimenti

    RispondiElimina
  5. Ciao Moreno,
    d'accordo, ma attenzione: tutti, in diverso grado, rischiamo di confondere, se non "amicizia con possessione, amore con possessione", quantomeno "amicizia con consolazione" e "amore con consolazione".

    Quando l'amore richiede solo il soffrire, troverai ben pochi "amici", e quindi si capisce che il limite, umanamente, è insuperabile.

    Penso di non azzardare troppo, perché condivido con te la cosa, nel dire che più che di semplice "valutazione dell'egoismo" è un problema di sensibilità.
    Quando si è dotati di molta sensibilità (e anche di immaginazione, questa rende ancora più vulnerabili perché è una facoltà potentissima, e più una facoltà è potente e più se ne sperimenta il rovescio), si rischia di avvertire tutto quanto riguarda sé stessi "esteriormente".
    Se questo non lo si fa con una fiducia incrollabile nella realtà (che poi dovrebbe sfociare in un rapporto con Dio), si soffre enormemente sì, ma soprattutto si rischia di valutare in maniera sbagliata l'esteriore degli avvenimenti, e le persone diventano sempre più delle minacciose "ombre" per noi (una cosa simile la diceva Thomas Merton, che anche se non incontra molto il mio gusto è stato un pensatore notevole: ti basti pensare che la frase "ritornello" del film "About a Boy", "Nessun uomo è un'isola" [No man is an Island] è il titolo di un suo libro).

    Se ti senti amareggiato o scoraggiato, vedrò di avere fiducia io anche per te, mentre riprendi il lavoro in Duomo. Ricordati la preghiera che ti ho chiesto… :=)

    RispondiElimina
  6. ringazio chi si è complimentato con me anzitutto...
    @Piccic, caro, prima di tutto, quel che ho scritto non è una cosa che riguarda solo "gli altri" ma anche me stesso. Chiunque si può riconoscere con ciò che ho scritto, anche se poi molte cose vanno nel mio vissuto, nel mio personale.

    In quel preciso istante stavo chiudendo un'amicizia di quasi 20 anni per cui ero piuttosto amareggiato.

    Purtroppo guardando a posteriori e pensando a questo momento storico, vedo le mie cose se è possibile anche peggiorate.

    Non capisco perché si sia innescata una dinamica così negativa nella mia vita, e vorrei tanto cercare di capovolgere il tutto, ma ogni volta, ogni volta, ripeto, che tento di fare qualcosa per cambiare il corso delle cose, per reagire, tutto va ancora peggio... peggio sempre peggio.

    A questo punto mi limiterò ad accettare il corso degli eventi, non vedo altra soluzione.
    So che può sembrare mero vittimismo il mio, ma ti assicuro che non è così. Forse hai ragione nel discorso che hai fatto sulla sensibilità... ma estirparla da me è una cosa molto difficile.
    Credo che l'unica via sia di non aspettarsi niente da nessuno e di prendere le parole delle persone per quel che sono al momento.

    Ti ringrazio per le parole, per i regalini, per tutto, trovare persone "sincere" è molto MOLTO difficile al girono d'oggi e sento, per una volta, che tu lo sei, anche perché non vedo cosa ci guadagneresti a fare derminate cose per me...

    Un abbraccio


    Moreno

    RispondiElimina
  7. piccio, quando non riuscirai ad affrontare tutto questo e ti sentirai debole sappi che la forza la potrai trovare in chi ti vuole bene...
    me per prima... :)
    t'abbraccio sempre più forte!

    RispondiElimina