mercoledì 9 aprile 2008

Ipse dixit


Finalmente ho trovato un video con la parte finale di Kyashan la rinascita, contiene un passaggio che mi piace molto:


"Nel semplice atto del vivere, finiamo con il ferire qualcuno. Nel fatto stesso di vivere, provochiamo dolore a qualcuno. Noi avremmo dovuto innanzi tutto perdonarci a vicenda, a vicenda avremmo dovuto tollerarci e quindi riuscire a coesistere. Colui che dispensa giudizi, è proprio lui a trovarsi nel torto. Noi non siamo in questa vita solo per resistere: dovremmo poter avere il potere di sognare di vivere insieme. Forse raggiungeremmo un piccolo, minimo risultato, potrebbe apparirci impossibile, ma non ci rimane altra scelta che cominciare da qui. Non ci rimane che credere che sia possibile".




5 commenti:

  1. Particolarmente toccante l'atto finale di quella che è una sincera (e forse un po' troppo divagante) rinascita dell'originale Kyashan.

    Fa un certo effetto rivederlo a distanza di tempo...

    V.

    RispondiElimina
  2. Caro Vito, grazie del commento... sempre gradite le tue parole.

    @Kiara, bentornata da Londra... sai che la mia amica poi ha preso la Dollfie? la gente che si addormenta a vedere questo film evidentemente è abituata al massimo a Boldi e Desica.

    @Bluscuro, non l'ho scritto io... magari.. però rappresenta benissimo il mio pensiero.. mai come ora...

    RispondiElimina
  3. hai visto che pioggia oggi? però ti dirò la verità che non mi dispiace molto :)

    bello il passaggio che hai scritto :)

    RispondiElimina
  4. Bel commento Arin, io ho comprado il dvd e devo dire che mi è piaciuto molto e mi anche toccato. Mi piace molto la musica devo cercarla e trovarla.

    ciao da andromeda

    RispondiElimina
  5. utente anonimo11 aprile 2008 20:45

    sinceramente a me nn è piaciuto molto

    il finale poi nn lo ho mica capito tanto bene

    cmq graficamente lo ho apprezzato molto (anche se nn mi è piaciuto il passaggio da merdina a ultra kya)

    by red

    RispondiElimina

Ciao Alita

Quando sei arrivata nella mia vita, ormai nel lontano 2003, mai avrei immaginato che tu potessi entrarmi tanto nel cuore. Devi sapere, c...