martedì 26 febbraio 2008

Omaggio a Totò

Totò





A poco più di 40 anni dalla morte di Antonio De Curtis in arte Totò, ci tengo a omaggiare la più grande maschera del cinema italiano del '900.

Spesso ci si dimentica o si danno per scontati alcuni personaggi, credo che Totò non sia mai morto, e che abbia segnato come pochi la storia del cinema.

Sono per me molto emblematiche queste sue parole:

"Sono ormai all'età in cui si tirano le somme, e io non ho fatto ancora nulla, sarei potuto diventare un grande attore, e invece su 100 e più film che ho girato, ne sono degni non più di cinque, ma anche fossi diventato un grande attore cosa sarebbe cambiato? Noi attori siamo solo venditori di chiacchiere, un falegname vale certo più di noi, almeno il tavolino che fabbrica, resta nel tempo, dopo di lui, noi attori, anche se abbiamo successo, duriamo al massimo una generazione."

Quanto si sbagliava, ma d'altro canto fu molto bistrattato dalla critica, e come spesso accade venne veramente apprezzato e capito solo nel momento della morte.


Eccovi il primo provino del nostro amato principe della risata, datato 1930, aveva 32 anni:






1 commento:

  1. utente anonimo2 aprile 2008 17:53

    Solo due commenti? Il più grande attore comico italiano ed uno dei più grandi attori di sempre del cinema, merita di più. E così eccomi qua ^^

    Io vado davvero matto per Totò e onestamente non mi pare che sia stato dimenticato, noto però che le nuove generazioni lo conoscono sempre meno...e questo è grave.
    Tra i suoi film che preferisco in assoluto ci sono "Guardie e ladri", "Totò, Peppino e la malafemmina", Miseria e Nobiltà" e tanti, tantissimi altri (altro che solo 5)...ma forse il mio preferito in assoluto è "La banda degli onesti".

    Bravo DarkAryn

    un saluto

    Lemm

    P.S. indimenticabili sono anche le sue interpretazioni per "Uccellacci ed uccellini" e "Cosa sono le nuvole?" entrambi di Pasolini

    RispondiElimina